Come orientarsi sui social orientali

Come orientarsi sui social orientali

I viaggiatori cinesi sono ormai considerati il Sacro Graal del turismo internazionale: tutti li vogliono ma pochi sanno come attirare la loro attenzione. Di sicuro le destinazioni che mirano a diventare una meta turistica per i Cinesi, hanno capito l’utilità di investire sui social network più diffusi in Oriente.

In questo post vi parleremo quindi di Baidu e di due dei principali social utilizzati dai Cinesi: Weibo e WeChat.

Baidu è l’equivalente del motore di ricerca Google. Utilizzato in tutta la Cina e non solo, questo motore di ricerca, in lingua cinese, indicizza oltre 740 milioni di pagine web, 80 milioni di immagini e 10 milioni di file multimediali. Il funzionamento è identico a tutti i motori di ricerca, si possono fare ricerche attraverso query, frasi ect…

Weibo è un social che combina le caratteristiche di Twitter e Facebook, ma soprattutto è uno degli strumenti preferiti dalla classe medio-alta che vive nelle grandi metropoli cinesi. Questa piattaforma social viene utilizzata solo da chi parla cinese con dei post molto simili al nostro Facebook; la sostanziale differenza la troviamo per gli hashtag che sono doppi ovvero #parola#, questo per via dell’assenza di punteggiatura nella scrittura cinese. La struttura dei post ricorda quella di Twitter per la lunghezza di soli 140 caratteri; gli utenti possono creare, gruppi, condividere foto, video, link e collegamenti e-commerce. Secondi alcuni studi di settore, i clienti attivi mensilmente nel 2016 erano già 390 milioni.

WeChat è una app per dispositivi mobili ispirata a “WhatsApp”, ma con una serie infinita di servizi e funzioni che la rendono uno strumento assolutamente innovativo. La “Chat” è composta dai contatti della propria rubrica, ma si possono aggiungere e visionare persone fisiche o aziende di cui si scannerizza il QR code (fornito dalla app).  Ma la funzione più interessante è il Wallet, applicazione che rende WeChat la app del futuro dell’e-commerce. Le funzioni del wallet sono molte: pagamento immediato della spesa, ricarica del cellulare, acquisto di viaggi…  WeChat è usata da oltre 900 milioni di persone (fra cinesi e altri popoli del Sud-est Asia) di cui il 25% vi accede più di 30 volte al giorno.  L’app è stata sviluppata da Tencent, società quotata alla borsa di Hong Kong, che ha recentemente deciso di non fermarsi all’Asia visto il successo avuto, e sta già iniziando la sua espansione in Europa e negli Stati Uniti.  Sicuramente questa app è stata concepita per il mercato turistico cinese, ma una volta diffuso come sistema di incasso, sarà possibile per i cittadini di tutto il mondo pagare facilmente e velocemente. E vi farà sorridere pensare che la conquista dell’Europa parte proprio dall’Italia, guidata da Andrea Ghizzoni, capo di Tencent nel Vecchio Continente.

Insomma la Cina ed il relativo settore turistico in forte crescita fanno gola a tutti e noi non possiamo farci cogliere impreparati!

i-am LAB ha capito che bisogna premere sull’acceleratore, per questo il nostro primo laboratorio formativo è dedicato proprio all’incoming dalla Cina. L’obiettivo del corso è trasferire ai partecipanti tutte le informazioni necessarie sulla gestione delle relazioni interculturali e sulle corrette modalità di comunicazione con gli operatori cinesi, fornendo anche conoscenze approfondite sugli errori da evitare e sui meccanismi che regolano l’incoming dalla Cina.

Come attrarre l’incoming dalla Cina è un appuntamento imperdibile per chiunque intenda approfondire e sviluppare questo nuovo trend in fortissima ascesa.

Per info ed iscrizioni vi invitiamo a contattarci scrivendo a formazione@iamlab.education

redazione
administrator
La redazione di i-am LAB